DEONTOLOGIA

Norme di etica e codice deontologico

Si riportano qui di seguito le leggi e le principali norme riguardanti la professione di ingegnere. Si deve porre particolare attenzione ai princìpi di deontologia professionale in quanto nessun iscritto, a propria discolpa, può opporre di non conoscerli. Il Consiglio, per proprio dovere istituzionale, é tenuto a far rispettare a tutti le norme che seguono ed é obbligato, in caso di manifesta violazione, ad irrogare le sanzioni che le stesse norme prevedono.

Nuovo codice deontologico approvato dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rimini.

Codice dentologico e norme di attuazione per gli Ingegneri adottate dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri in data 20/12/2007.

Stralcio del Codice Civile: disposizioni generali relative alle professioni intellettuali.

D.P.R. 08/07/2005, n. 169 recante “Regolamento per il riordino del sistema elettorale e della composizione degli organi di ordini professionali”.

D.P.R. 05/06/2001, n. 328 recante “Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio di talune professioni, nonchè della disciplina dei relativi ordinamenti”.

Legge 13/03/1958, n. 262 recante “Conferimento ed uso di titoli accademici, professionali e simili”.

Legge 03/08/1949, n. 536 recante “Tariffe forensi in materia penale e stragiudiziale e sanzioni disciplinari per il mancato pagamento dei contributi previsti dal D.L.L. 23/11/1944, n. 382”.

D.M. 01/10/1948 recante “Approvazione del regolamento contenente le norme di procedura per la trattazione dei ricorsi dinanzi al Consiglio Nazionale degli architetti/ingegneri e al Consiglio Nazionale dei Geometri”.

D.L.L. 23/11/1944, n. 382 recante “Norme sui Consigli degli Ordini e dei Collegi e sulle Commissioni centrali professionali”. ll testo é coordinato sulla base delle modifiche e/o integrazioni apportate dal D.P.R. 08/07/2005, n. 169.

Legge 22/04/1941, n. 633 recante “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. ll testo é coordinato sulla base delle ultime modifiche e/o integrazioni apportate dal D.Lgs. 16/03/2006, n. 140. Si veda anche la circolare del Ministero per i beni e le attività culturali 16/05/2005, nella quale sono citate, tra le opere protette, anche i progetti di lavori di ingegneria.

Legge 25/04/1938, n. 897 recante “Norme sulla obbligatorietà dell’iscrizione negli albi professionali e sulle funzioni relative alla custodia degli albi”. Si veda anche il D.L.L. 23/11/1944, n. 382.

R.D. 23/10/1925, n. 2537 recante “Regolamento per le professioni di ingegnere ed architetto”. ll testo é coordinato sulla base delle ultime modifiche e/o integrazioni apportate dal D.P.R. 08/07/2005, n. 169, ed é corredato di una circolare del CNAPPC prot. n. 1350 del 28/10/2004 che fa seguito all’Ordinanza 05/04/2004 emessa dalla Corte di Giustizia Europea la quale riserva ai soli architetti i lavori riguardanti, in particolare, gli immobili vincolati appartenenti al patrimonio artistico. Il riferimento é all’art. 52 del R.D. 23/10/1925, n. 2537.

Legge 24/06/1923, n. 1395 recante “Tutela del titolo e dell’esercizio professionale degli ingegneri e degli architetti”. Il testo é coordinato sulla base delle ultime modifiche e/o integrazioni apportate dal D.L.L. 23/11/1944, n. 382.

    IN QUESTA SEZIONE

    DEONTOLOGIA